Blog: http://chitifaitaliavotano.ilcannocchiale.it

Lettera all'Italia ...
con l'urlo di Iaquinta!



Cara Italia,
spesso bistrattata, tradita, derubata della tua identità (la Costituzione), che magicamente ogni 4 anni ti ritrovi, ci fai ritrovare uniti in unico urlo, che hai la capacità di annullare barriere di schieramento, ideologiche, geografiche, razziali, che sei tirata in ballo per battaglie politiche, di divisione, di unione, di guerra e di pace, che un giorno, per i tuoi problemi, puoi essere rappresentata dall’urlo di Munch e il giorno appresso dall’urlo liberatorio, appassionato, affratellante, di un calciatore poco avvezzo ai riflettori dello star sistem, come Vincenzo Iaquinta.

Cara Italia,
scusaci se anche noi approfittiamo della tua immensa benevolenza per propagandare le ragioni del No a uno stravolgimento della tua Costituzione e, se a volte, come Iaquinta, urliamo il nostro desiderio di esser parte di quell’Italia che studia, progetta, lavora, per il miglior futuro possibile dei tuoi cittadini.

Cara Italia,
noi ti vogliamo bene e, anche se comprendiamo le ragioni di chi in modo autolesionistico, con un disperato affetto, ieri ha tifato per il Ghana, per questo fortissimo sentimento che ci lega a te, ci impegniamo a lottare per il tuo bene, per il nostro bene, e nonostante si siano appropriati, anche se hanno usurpato il "motto" nazionale, noi qui, oggi, non abbiamo il timore di unirci e, con tutta la forza della nostra passione, urlare assieme: “FORZA ITALIAAAAA!!!!

(Valter - Pennarossa Tribù)

Pubblicato il 13/6/2006 alle 12.4 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web